Come muoversi nel blog

*hostess mode on*
Nel blog trovate una canzone S&T per ogni post, con video e testo.
Di lato a destra trovate la lista degli artisti citati,
con all'inizio le etichette per tematica per distinguere le canzoni non relative alla fine di qualcosa dalla altre, così da muovervi secondo i vostri gusti.
In alto invece ci sono i link ad una serie di pagine, tra cui l'indice per autore.
Buona permanenza :D
*hostess mode off*

venerdì 7 maggio 2010

Twist in my sobriety - Tanita Tikaram

Rieccomi a dedicare di nuovo un po' di tempo al blog.
C'ho dovuto pensare un po' prima di inserire questa canzone che mi è stata suggerita da un utente anonimo, principalmente per un fatto, il testo lo trovo abbastanza sfuggente nel senso che non riesco bene ad inquadrare la tematica della canzone, così ho cercato un po' in rete e ho trovato sul sito ufficiale della Takaram un'intervista, "The Roman Rogowiecki Interview" in cui viene spiegato il significato della canzone, ne riporto qui sotto il pezzo in cui si parla di questa canzone.

Roman: Ti dispiace dirci qualcosa sulla canzone "Twist in My Sobriety"? Suppongo che tutti la conoscano, ma pochi sanno di cosa tratti veramente.

Tanita: Oh, è divertente, la prima riga "All God's children need travelling shoes" viene dal libro di Maya Angelou; non so perché l'ho usata, ma mi suonava poetica e spirituale; il resto della canzone è sulla non comprensione - quando hai 18 anni, tu hai una relazione veramente emozionale col mondo, ti senti molto isolato e tutti gli altri sono così distanti e freddi. Penso che stessi cantano il non sentire nulla o il non forsi commuovere dalle cose intorno. Io penso che sia una strana sensazione quando sei appena uscito dall'adoloscenza. C'è un bel film "Heavnly Creature" di un regista della Nuova Zelanda, non so se l'hai visto, parla di due ragazzi che uccidono la loro madre.

Roman: Oh, no

Tanita: ma non è l'omicidio che conta ma i loro sentimenti e come tu ti senti in quel periodo. Ma poi passa.


(fonte)





Traduzione: qui

All God's children need travelling shoes
Drive your problems from here
All good people read good books
Now your conscience is clear
I hear you talk girl
Now your conscience is clear

In the morning I wipe my brow
Wipe the miles away
I like to think I can be so willed
And never do what you say
I'll never hear you
And never do what you say

Look my eyes are just holograms
Look your love has drawn red from my hands
From my hands you know you'll never be
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety

We just poked a little pie
For the fun people had at night
Late at night don't need hostility
The timid smile and pause to free

I don't care about their different thoughts
Different thoughts are good for me
Up in arms and chaste and whole
All God's children took their toll

Look my eyes are just holograms
Look your love has drawn red from my hands
From my hands you know you'll never be
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety

Cup of tea, take time to think, yea
Time to risk a life, a life, a life
Sweet and handsome
Soft and porky
You pig out 'til you've seen the light
Pig out 'til you've seen the light

Half the people read the papers
Read them good and well
Pretty people, nervous people
People have got to sell
News you have to sell

Look my eyes are just holograms
Look your love has drawn red from my hands
From my hands you know you'll never be
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety
More than twist in my sobriety

5 commenti:

  1. CAspita, appena ho visto il titolo mi son rizzate le orecchie!!! E' uno dei miei brani preferiti e citato più volte sul blog, pensavo ci fosse qualche "dedica" a me e invece nulla :(:(:(
    mi raccomando quando inserirai "one and one"....

    RispondiElimina
  2. Non lo sapevoooo! e tu non me l'hai mai suggerita poi u_u

    :)

    RispondiElimina
  3. http://arrgianf.blogspot.com/2009/11/musica-le-piu-belle-canzoni-anni-80.html ok allora ti suggerisco "Flash in the night" dei Secrete Service; Enola Gay degli Omd (il testo è anche molto semplice ma molto triste);

    http://arrgianf.blogspot.com/2009/12/musica-twothousandnine-il-ritorno-di.html guarda come ho spiegato il testo di Radio di Savage (altro brano triste).

    E poi ovviamente "one and one" di Robert Miles http://arrgianf.blogspot.com/2009/11/musica-le-piu-belle-canzoni-dance-in.html :)
    insomma non ne mancano brani tristi.

    http://arrgianf.blogspot.com/2009/04/musica-le-canzoni-piu-tristi.html qui addirittura c'è un elenco infinito :) ti puoi sbizzarrire :):):)

    RispondiElimina
  4. Difficile separare la canzone dal video di Gerard de Thame, ma l'unico punto di contatto mi sembra la prima strofa, visto che il video - forse girato in una zona povera della Bolivia - parla di disgraziati che le scarpe non le hanno. Il video è la vera forza del pezzo. E' assolutamente eccezionale e riassume con la tremenda capacità di sintesi delle immagini la storia dell'America latina, cioè la storia di una civiltà spezzata, depredata e mai più risorta. Grazie per averlo inserito.

    RispondiElimina

C'è un sentimento in particolare che questa canzone ti provoca? un ricordo? hai una interpretazione particolare? sarò più che felice se vorrai condividerla con me e i lettori di questo blog :)

Se hai dei suggerimenti per favore usa la sezione apposita: Suggeriscimi una canzone così riesco a tenerne traccia :)