Come muoversi nel blog

*hostess mode on*
Nel blog trovate una canzone S&T per ogni post, con video e testo.
Di lato a destra trovate la lista degli artisti citati,
con all'inizio le etichette per tematica per distinguere le canzoni non relative alla fine di qualcosa dalla altre, così da muovervi secondo i vostri gusti.
In alto invece ci sono i link ad una serie di pagine, tra cui l'indice per autore.
Buona permanenza :D
*hostess mode off*

domenica 21 marzo 2010

L`ete Indien - Joe Dassin

Primo giorno di Primavera! Speriamo di dismettere presto maglie, giacche e quant'altro.
In questo periodo e per il prossimi mesi l'attività del blog sarà molto rallentata, causa vari impegni, non per questo però smetterò di aggiornarlo (tante volte qualcuno si stesse chiedendo come mai sono passata da quasi un post al giorno a circa uno a settimana).

Come da scaletta seguo i suggerimenti che mi sono pervenuti, andiamo quindi con la canzone proposta da melanzanagigante, si tratta di un pezzo francese, ho già detto che io e il francese non andiamo d'accordo, ma l'idea di raccogliere canzoni internazionali mi piace molto!

Mi piace l'idea di lasciarvi con le parole di chi questa canzone me l'ha suggerita:
"canzone che trovo profondamente struggente e commovente;parla di un amore finito e del ricordo della persona amata che riaffiora nei colori dell'estate indiana [...]. Spero che piaccia."

A me è piaciuta veramente molto, spero anche a voi.
Buon ascolto!




Riporto la traduzione che mi ha fornito melanzanagigante.


Tu sais, je n'ai jamais été aussi heureux que ce matin-là
nous marchions sur une plage un peu comme celle-ci
c'était l'automne, un automne où il faisait beau
une saison qui n'existe que dans le Nord de l'Amérique
Là-bas on l'appelle l'été indien
mais c'était tout simplement le nôtre
avec ta robe longue tu ressemblais
à une aquarelle de Marie Laurencin
et je me souviens, je me souviens très bien
de ce que je t'ai dit ce matin-là
il y a un an, y a un siècle, y a une éternité

on ira où tu voudras, quand tu voudras
et on s'aimera encore, lorsque l'amour sera mort
toute la vie sera pareille à ce matin
aux couleurs de l'été indien

aujourd'hui je suis très loin de ce matin d'automne
mais c'est comme si j'y étais
je pense à toi
où est tu?
que fais-tu?
est-ce que j'existe encore pour toi?
je regarde cette vague qui n'atteindra jamais la dune
tu vois, comme elle je me couche sur le sable
et je me souviens
je me souviens des marées hautes
du soleil et du bonheur qui passaient sur la mer
il y a une éternité, un siècle, il y a un an

on ira où tu voudras, quand tu voudras
et on s'aimera encore, lorsque l'amour sera mort
toute la vie sera pareille à ce matin
aux couleurs de l'été indien

L'Estate Indiana
Sai, non sono mai stato così felice come quella mattina,
passeggiavamo su una spiaggia un po' come questa qui.
Era autunno, un autunno dove il tempo era bello
una stagione che esiste solo nel Nord America.
Li la chiamavano l'estate indiana
ma era semplicemente la nostra
con il tuo vestito lungo tu rassomigliavi
ad un acquerello di Marie Laurencin
Ed io mi ricordo, io mi ricordo molto bene
Di ciò che tu dissi quella mattina
E’ passato un anno, un secolo, un' eternità.

Andremo dove tu vorrai, quando tu vorrai
e ci ameremo ancora e ancora, quando l' amore sarà morto.
Tutta la vita sarà uguale a quella mattina
dai colori dell' estate indiana.

Oggi sono molto lontano da quella mattina d' autunno
ma è come se ci fossi ancora
penso a te
dove sei?
che fai?
Esisto ancora per te?
Guardo questa onda che non arriverà mai alla duna
vedi, come lei mi distendo sulla sabbia
e ricordo, ricordo le alte maree,
il sole e la felicità che attraversavano il mare
e’ passata un' eternità, un secolo, un anno

Andremo dove vorrai, quando vorrai
e ci ameremo ancora e ancora fin quando l' amore sarà morto.
Tutta la vita sarà uguale a questa mattina
dai colori dell' estate indiana

8 commenti:

  1. C'è la versione dance di questo brano che non ricordo di chi è ma è stupenda in chiave remixata. Tutta un'altra cosa... cmq rimane Carina anche così originale :)

    RispondiElimina
  2. Ah con questa musica dance :D però grazie lo stesso per la segnalazione :)

    RispondiElimina
  3. Trovo la scelta fatta da melanzanagigante (strano nick) appropriata e interessante;strugente è la canzone ma lo è ancor di piu' il "parlato" del cantante che mi riporta con la memoria alle canzoni anni 70 di Aznavour.
    Ciao alla prossima

    RispondiElimina
  4. Vero, non sono una grande conoscitrice di Aznavour, ma ci sta.

    Grazie del commento, alla prossima :)

    RispondiElimina
  5. Ciao guarda che coincidenza, ero entrato qui un'ora fa ma non mi ero accorto che avevi commentato alle 19.

    RispondiElimina
  6. Ammetto che ad una prima analisi (specie guardando il video) l'ho trovata un poco involontariamente "comica". Poi leggendo il testo e riascoltandola altre due volte, l'ho trovata prima gradevole, poi struggente.

    RispondiElimina

C'è un sentimento in particolare che questa canzone ti provoca? un ricordo? hai una interpretazione particolare? sarò più che felice se vorrai condividerla con me e i lettori di questo blog :)

Se hai dei suggerimenti per favore usa la sezione apposita: Suggeriscimi una canzone così riesco a tenerne traccia :)